Calcioscommesse, Maroni: "Servono dei corpi speciali"

"La mafie e la criminalità inquinano il calcio: ho dato mandato al capo della Polizia di costituire una task force investigativa per stanare chi altera la regolarità delle gare, per prevenire e punire"; loha detto il Ministro dell'Interno Maroni durante un'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport. "Sono sconfortato come sportivo" - ha detto Maroni, che ha aggiunto: "Ho dato disposizione al capo della Polizia di costruire una task force investigativa sul fenomeno per stanare chi tende ad alterare la regolarità delle gare sportive con mezzi fraudolenti. Manganelli è già partito".

Maroni ha poi detto che "Manganelli  ha chiesto ai servizi speciali come Sco, Ros e Gico una relazione sul coinvolgimento delle mafie nel settore del calcio truccato e del calcio scommesse. Vogliamo individuare le migliori forme di prevenzione e repressione delle scommesse clandestine delle partite di calcio. Servono iniziative, perché la violazione delle norme penali investe pure il campo della sicurezza. La prevenzione, poi, conta tanto: i campioni sono gli idoli dei ragazzi: devono avere dei valori etici appropriati". Resta da capire ora la portata dello scandalo, aldilà dei singoli giocatori coinvolti, resta da chiarire quali siano le posizioni delle squadre a livello societario.

 

Ultima modifica ilGiovedì, 21 Marzo 2013 14:09
Back to top