Stop ai video dell'Isis sulla Rai

MARCO MARIANELLA 06/06/2014 RAI: PRESENTAZIONE DEL TG1 DIGITALE E DEL NUOVO STUDIO NELLA FOTO: LUIGI GUBITOSI, DIRETTORE GENERALE RAI MARCO MARIANELLA 06/06/2014 RAI: PRESENTAZIONE DEL TG1 DIGITALE E DEL NUOVO STUDIO NELLA FOTO: LUIGI GUBITOSI, DIRETTORE GENERALE RAI

La Rai ha deciso di non mandare più in onda video che siano stati postati dall'Isis sul web.
Lo ha detto Luigi Gubitosi, dg della Rai, alla Camera dei deputati durante l'audizione alla Commissione per i diritti e doveri relativi a internet.
Gubitosi ha spiegato che "Dopo un periodo di analisi e riflessione" - la Rai ha preso una "decisione molto netta".
"Non manderemo in onda il racconto che l'Isis produce per la sua propaganda e ci limiteremo ad estrarne di volta in volta frammenti descritti e mediati dal lavoro dei nostri giornalisti.Una decisione forte e consapevole" - ha detto Gubitosi.
La decisione appare più che corretta visto il continuo proliferare in rete di video prodotti dall'Isis a dir poco "allucinanti" per violenza e inneggiaménto all'odio.
Speriamo la decisione condizioni gradualmente anche le altre emittenti televisive che, seppur non ufficialmente di servizio pubblico, svolgono comunque un "pubblico servizio" nei confronti della popolazione.

Ultima modifica ilLunedì, 30 Marzo 2015 15:51
Back to top