Come restaurare una cornice in cartapesta

Come restaurare una cornice in cartapesta
Nel '600 le cornici venivano realizzate non solo in legno dorato,ma abili artigiani le realizzavano in cartapesta pressata, all'interno di appositi stampi. Il restauro delle cornici in cartapesta è un intervento molto delicato dettato dalla fragilità del materiale.Per intervenire,si possono seguire diverse tecniche di ripristino. Ad esempio: Nel caso in cui,una cornice sia stata realizzata con della carta macerata in acqua e colla,il pezzo mancante verrà ricostruito con il medesimo impasto.Vi sono due tipi di tecniche da me sperimentate: La tecnica della "cartapesta cava"e la tecnica della "cartapesta piena". L'impasto, nella prima tecnica viene realizzato adoperando della carta di imballaggio che viene tagliata a strisce sottili,bagnate con colla cervione e incollate per strati,fino alla completa ricostruzione della lacuna o del pezzo mancante.

Quando la colla si è asciugata,si applicano vari strati di gesso e colla animale.Si procede così alla doratura o alla laccatura.Per quanto riguarda la seconda tecnica,si procede alla cottura della carta,che può  essere della comune carta da giornale,che viene stracciata in piccoli pezzi e cotta in acqua.La carta viene in seguito fatta macerare nell'acqua di cottura per 24 ore,filtrata e frullata. Successivamente viene strizzata,e miscelata con polvere di legno fine,gesso di Bologna,farina,colla cervione o vinilica.L'impasto viene poi modellato con le mani ed incollato sulla lacuna mancante.Nel caso si dovesse ricostruire una porzione di fregio,questo impasto può essere inserito in uno stampo di silicone precedentemente preparato.Fatto asciugare,viene tolto dallo stampo e incollato sulla porzione di decoro mancante incollandolo con della colla vinilica o animale.Quattro mani di gesso e colla (si può utlizzare anche del gesso acrilico)vengono applicate sul fregio in cartapesta che successivamente può essere dorato con la tecnica a missione e per i più esperti con la tecnica del guazzo.

Loredana Rizzo

Ultima modifica ilGiovedì, 21 Marzo 2013 14:09
Back to top